MagYou 2 novembre 2014

ProdottoD'Italia, olio d'oliva come prodotto trainante

Di Marianna Alicino

ProdottoD’Italia srl nasce dall’idea di due amici, Pierpaolo e Roberto, accomunati dalla passione per l’informatica e dalla convinzione che ogni piccola iniziativa di slancio imprenditoriale possa aiutare la propria terra a sfruttare meglio il proprio potenziale.

Pierpaolo, oltre ad essere un ingegnere informatico e sviluppatore web, è anche un seguace convinto della dieta mediterranea e della filosofia del Km0, mentre Roberto, ingegnere informatico/gestionale, da sempre attivo nell’azienda agricola di famiglia, coltiva ‘ossessivamente’ l’idea di internazionalizzare la sua impresa di produzione di olio d’oliva a gestione familiare.

Entrambi vedono in Principi Attivi un’opportunità unica per avviare un’impresa in proprio, unendo le proprie passioni in un connubio che lega l’olivicoltura tradizionale alle moderne tecnologie. Il loro intento diviene quindi quello di creare e poi promuovere, mediante l’uso delle nuove tecnologie, un marchio di prodotti agro-alimentari, inizialmente avente come prodotto trainante l’olio di oliva, guardando alle economie emergenti come principali target di mercato.

 

Il tutto portando al consumatore finale quello che è il legame del prodotto con il suo territorio e con le sue fasi di produzione. Quindi le caratteristiche e le peculiarità della terra da cui il prodotto ha origine. Nasce così ProdottoD’Italia srl: un’azienda focalizzata sull’export di prodotti agroalimentari la cui qualità, origine e più in generale il legame del prodotto con il suo territorio è certificata in maniera innovativa.

“In un mercato di consumatori sempre più attenti alla storia del prodotto e a quella dei processi legati alla sua produzione, ci siamo impegnati a creare un prodotto “in grado di rivolgersi” ai consumatori e di raccontare loro mediante dati e immagini, la qualità della propria filiera produttiva.

Tutto ciò allo scopo sia di distinguerci dalle grandi compagnie che fino ad oggi hanno venduto una genuinità non provata, spesso astratta, e slegata dai contesti culturali e territoriali locali, sia di venire incontro alle esigenze di quei consumatori che vogliono conoscere nel dettaglio le caratteristiche intrinseche dei beni che consumano e capire come, dove, ed in che modo questi vengano prodotti e lavorati.” Avvalendoci del finanziamento ricevuto e della collaborazione con la società cooperativa Primo Principio, abbiamo posizionato e configurato in wi-fi direttamente su un uliveto “pilota” dal quale l’olio messo in commercio ha origine, dei sensori ad-hoc per il monitoraggio dell’intera filiera produttiva (aria, acqua, terra) e delle telecamere HDTV.

L’installazione dei sensori ad-hoc consente il monitoraggio ambientale della filiera: permette cioè di ricavare delle informazioni specifiche e dettagliate dell’ecosistema agricolo naturale al fine di comunicare al mercato la qualità e la tipicità dei propri prodotti, anche attraverso la diffusione di dettagli tecnici, indicativi della situazione climatica e ambientale e dello stato di salute della filiera e del territorio. Le telecamere HDTV hanno invece lo scopo di catturare lo straordinario lavoro dell’uomo e della natura e di ricostruire con trasparenza il percorso dall’oliva all’olio.

La visita virtuale nei luoghi di produzione ha così lo scopo di rendere la filiera trasparente. L’intento di ricostruire con trasparenza il percorso dall’oliva all’olio, sino alle tavole dei consumatori ha dato così vita prima al nostro slogan “from Olive.. to You” e poi al nome del nostro olio extra vergine d’oliva: O’You, il nostro “Wi-Oil”: il progetto pilota sull’applicabilità delle soluzioni wireless anche in campo olivicolo. In concreto, consentiamo al consumatore finale, mediante scansione del QR code presente sull’etichetta/collarino del nostro O’You, la possibilità di accedere alla filiera dal quale il prodotto ha origine ed alle sue fasi di produzione.

Indipendentemente dalla distanza, viene quindi data la possibilità ai consumatori di fruire dell’intera filiera produttiva relativa ai prodotti che vengono acquistati, rivoluzionando di fatto i rapporti tra produttore e consumatore, e rendendo protagonista la filiera stessa in quanto trasparente e fruibile a distanza.

Il portale al quale il consumatore avrà accesso mediante scansione del QR code presente in etichetta, e che pubblica le immagini e i video della filiera produttiva in tempo reale, è stato prontamente ribattezzato col nome di O’LIVE. Il titolo del progetto, “ProdottoD’Italia: l’export a Km0”, racchiude inoltre un altro focus imprescindibile: quello di rivolgersi ai mercati internazionali. ProdottoD’Italia nasce proprio per essere un’azienda focalizzata sull’export che guarda alle economie emergenti, nello specifico i paesi BRIC, come principali, ma non unici, target di mercato.

Proprio a questo proposito, allo scopo di iniziare a far conoscere il nostro prodotto al di fuori degli italici confini, abbiamo prima “giocato in casa” prendendo parte ad alcuni incontri di tipo B2B con delle importanti realtà del settore agro-food provenienti dall’India e Giappone, e poi abbiamo partecipato a ben tre missioni imprenditoriali che ci hanno portato alla volta di Shanghai, Chicago e Delhi, al fine di esplorare i mercati esteri mediante incontri B2B con selezionati operatori economici e controparti locali.

Presto sarà disponibile sul portale O’LIVE, anche uno spazio dedicato all’e-commerce per far fronte, oltre alle richieste di commercio di tipo B2B, anche alla vendita al dettaglio del nostro olio a filiera trasparente O’You.

Vai alla fonte